Passa ai contenuti principali

Fenomeno "Apothekensterben"

Le farmacie tedesche attraversano una crisi senza precedenti.
Ogni anno chiudono battenti più di 300 farmacie e la concorrenza spietata tra grandi farmacie e piccole e naturalmente le Farmacia Online sta cambiando radicalmente la cartina geografica delle farmacie in direzione il più forte mangia il più piccolo come Davide e Golia.
Non avendo una organizzazione a tutela delle farmacie come Federfarma in Italia a queste farmacie non rimane altro di vendere se ci si riesce oppure chiudere senza perdere soldi.
Il motivo di questa crisi è semplice a mio parere e purtroppo non visto da chi rappresenta. I medici diventano sempre di meno e quindi non ha senso avere 3 farmacie e magari solo 1 medico di base.
Si guarda troppo il numero di farmacie per abitanti senza guardare il numero di prescrizioni per abitanti. Senza ricette una farmacia non può esistere!!. Eccessiva burocrazia e costi assurdi per la gestione costringono il titolare ad assumere poco personale per poter stare in linea con i conti.
Il risultato è evidente, ci sono al momento 19750 farmacie in Germania. Tra 5 anni credo saranno 16000 finchè a saturazione avvenuta il sistema finalmente si riformerà come avvenuto in Olanda ed Inghilterra.
Purtroppo i tedeschi non sono innovativi e rimangono sempre conservativi. Solo quando non è troppo tardi si rendono conto.
Inoltre la mancanza di un sindacato dei titolari di farmacia non avvantaggia la categoria.

Commenti

  1. Certo che è triste leggere ste cose...soprattutto se riguardano un grande paese come la Germania..spero che non si vada a finire come in italia, dove i titolari danno 4 soldi ai dipendenti per risparmiare..spero anche che non ci vada di mezzo anche tu in questa strage di farmacie, Giovanni.

    RispondiElimina
  2. Ciao Giovanni ti stavo per scrivere perché in questi giorni mi aveva scritto la camera dei farmacisti di stoccarda avvisandomi che finalmente organizzano un corso ad hoc per preparare i farmacisti di fuori porta a sostenere l'esame per poi prendere l'Approbation. Ovviamente il requisito per partecipare è avere il b2, che fortunatamente ho conseguito a presso l'università di Friburgo (Germania). A sto punto leggendo quest'articolo mi viene da pensare che forse non è una buona idea continuare la strada per la Germania. Mi hanno offerto alloggio e contratto 1° livello in Italia al confine con la svizzera italiana.. A sto punto mi sa che accetto l'offerta ed evito di sprecare altro tempo e denaro in Germania data la prospettiva. Tu che ne pensi? Grazie mille in anticipo. Gianfranco Pisciotta.

    RispondiElimina
  3. Qui in Italia vedo sempre più farmacie che, tramite croci LED e pannelli luminosi, pubblicizzano prodotti non medicinali: integratori, prodotti per l'infanzia, prodotti omeopatici, cosmetici ecc. perché probabilmente hanno superato l'idea della farmacia come punto vendita di soli medicinali

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

...dopo 6 mesi di lavoro

Ciao ragazzi. Dopo sei mesi di lavoro in Germania sono diventato già vicedirettore di Farmacia. Sono responsabile della stesura di Protocolli e controllo delle preparazioni magistrali. La lingua migliora giorno per giorno e con questo aumentano le responsabilità. Non è facile avere addosso tante responsabilità tutte insieme, ma la crescita professionale è cosí veloce qui (parlo pure dell'aspetto economico). In Germania il posso fisso è un concetto antico. Qui c'è concorrenza sia in entrata che in uscita, ovvero ci si guarda sempre intorno cercando il meglio per se. Tipo ho ricevuto un'offerta tramite una collega in ospedale un posto di farmacista ospedaliero che rifletterò se prenderlo o meno. Il guadagno piu o meno è lo stesso, ma il lavoro ospedaliero sarebbe per me un po troppo burocratico e noioso. Il mio obiettivo sarà diventate dapprima direttore e poi chissà titolare di farmacia. Qui si puo tutto ciò se si vuole. E mi fa rabbia vedere colleghi che lavorano in Italia

La farmacia in Germania: prospettive.

Ciao colleghi, volevo adesso raccontarvi a voi un tema molto importante e cioè come funziona la farmacia tedesca a livello amministrativo, quali sono i punti forti e quali i punti deboli. In Germania non esiste un SSN come da noi. Ogni persona in Germania ha bisogno di un'assicurazione sanitaria per accedere a prestazioni medico-farmaceutiche. Le assicurazioni in Germania sono ENTI PRIVATI per cui a pari delle banche non controllate dallo Stato. Le assicurazioni si dividono in: Gesetzliche Krankenkasse o Private Krankenkasse. - Gesetzliche Krankenkassen: fornitura di prestazioni Medico-farmaceutiche stabilite dallo Stato ovvero prestazioni che sono scritte dalla legge. L'importo mensile è il 14,6% della retribuzione lorda. - Private Krankenkassen: Sono assicurazioni sanitarie con importo fisso e stabilito tra il cliente e l'assicurazione in base ai servizi offerti. Tuttavia per accedervi occorre avere un reddito lordo minimo di 50.000 Euro lordi annui. L'as

Prassi burocratica per lavorare in Germania

Per lavorare in Germania occorre essere in possesso dei seguenti documenti: - Personalausweis - Anmeldung - Steueridentifakatiionsnummer - Rentenversicherungsnummer - Versicherungsnummer - Girokonto - Personalausweis: non è altro che la nostra Carta di Identità - Anmeldung: certificato che attesta la vostra domiciliazione. Quando affittate un appartamento, una stanza ecc riceverete un Mietenvertrag ovvero un contratto d'affitto. Con questo andrete a comunicare all'ufficio del Bürgerservice che sarebbe l'ufficio del Comune dove vivete  Riceverete un foglio di domiciliazione. - Steueridentifikationsnummer: è un codice che riceverete automaticamente per posta dopo aver comunicato l'indirizzo di domicilio. Questo foglio è importantissimo. Vi servirà per pagare le tasse e per l'assicurazione sanitaria.  - Rentenversicherungsnummer: è il codice/card che contiene i dati previdenziali che il datore di lavoro vi verserà ogni mese. Per richiede